Fra La Via Emilia E Il West

Tutti conoscono Buffalo Bill, almeno nella sua narrazione leggendaria che spesso travalica la storicità del personaggio… Buffalo Bill si è insediato nel nostro immaginario in tanti modi, non ultimo attraverso una famosa canzone di Francesco De Gregori a lui dedicata…

Tutti conoscono Buffalo Bill, almeno nella sua narrazione leggendaria che spesso travalica la storicità del personaggio. Buffalo Bill si è insediato nel nostro immaginario in tanti modi, non ultimo attraverso una famosa canzone di Francesco De Gregori a lui dedicata. De Gregori racconta il declino della figura di Buffalo Bill per raccontare il declino di un’epoca: il vecchio west che cede il passo alla modernità, con l’avvento della ferrovia prima e dell’automobile poi. L’immagine di Buffalo Bill, eroe del West, seduto sul ciglio della strada insieme al suo amico meccanico “Culo di gomma” – che traggo dal testo della canzone – è uno di quei flash che hanno il potere di condensare tutto questo discorso in un’immagine.

Tutto questo è abbastanza noto, meno noto invece è l’incontro tra Buffalo Bill e il nostro paese. Nel lontano 1906, come posso affermare dalle testimonianze raccolte, Buffalo Bill attraversa diverse città italiane e fra questa la mia, Ferrara. Il passaggio di Buffalo Bill a Ferrara ha richiamato subito alla mia mente il titolo di un noto disco di Francesco Guccini, “Fra la via Emilia e il West”, che naturalmente parla d’altro, ma sembra davvero adatto. Dunque siamo nei primi del novecento e Buffalo Bill (alias colonnello Cody) a quel tempo girava il mondo con il suo circo e si portava al seguito ottocento uomini, cinquecento cavalli su quattro treni speciali. La fama che lo precedeva era di essere uno sterminatore di bufali, come tutti sanno, ma se a Ferrara oggi non abbiamo bufali non lo dobbiamo al suo passaggio. La storia del personaggio racconta che avrebbe ucciso circa cinquemila bufali nelle praterie americane per rifornire di carne gli operai che lavoravano alla costruzione della ferrovia. Per chi trova disdicevole lo sterminio dei bufali, sappia che il peggio deve ancora venire, perché a seguire sarà la stessa civiltà indiana a fare la stessa fine. Quanto a Buffalo Bill possiamo facilmente immaginarlo inseguire bufali nelle praterie americane, più difficile è vederlo scendere da un treno alla stazione di Ferrara, ma così è stato. Quando Buffalo Bill arriva a Ferrara la sua leggenda però è in declino. Poco tempo prima i meno leggendari butteri dell’agro Pontino lo avevano sfidato e sconfitto in una gara per domare puledri! Sai che risate, un po’ come vedere Cristiano Ronaldo umiliato in un campetto di periferia dal campioncino del quartiere. A parte questo incidente di percorso la sua fama è dura a morire e riscuote ancora grande successo nelle esibizioni circensi. Nel suo tour italiano Buffalo Bill mette in scena uno spettacolo dove tra le altre cose ci sono battaglie tra pellerossa e soldati americani, assalti ai convogli di pionieri secondo l’immaginario della conquista del far west. Tuttavia, dietro la tappa ferrarese di questo spettacolo si cela un tragico fatto di cronaca. Alla stazione di Ferrara, mentre si effettuano le operazioni di scarico del materiale di scena, un indiano muore stritolato fra due vagoni. Mentre si allestisce quella colossale rappresentazione fasulla della storia americana con battaglie tra soldati e pellerossa, accade questo incidente che sembra restituirci invece la verità storica sulla conquista del west: la fine dello sfortunato indiano nella morsa dei vagoni sembra ricordare infatti la fine della civiltà indiana che inizia quando il treno espropria e sopprime i suoi spazi vitali. E tutto il resto è storia tristemente nota.

UMBERTO SCOPA

Foto: sbhu.it – stpauls.it

L’Ago Nel Pagliaio ritorna martedì 17 marzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.