L’Importanza
Della Salute Orale

di Giovanni Bresciani pixabay.com

——-

L’odontoiatria riconosce la prevenzione come sua parte integrante


In questo appuntamento pongo alla vostra attenzione l’argomento della salute orale, con un articolo redatto dal dott. Marco Mozzati e dalla dott.ssa Valentina Arata del poliambulatorio medico Siom di Torino.

——

La medicina oggi ricorre ampiamente alla prevenzione in tutti i suoi campi e l’odontoiatria, da molti anni, ha riconosciuto la prevenzione come sua parte integrante e buona abitudine di salute.

La salute del cavo orale è alla base di uno stato di salute di tutto il corpo.

Questo sia perché la bocca riveste un ruolo importante, permettendo di alimentarsi, respirare, parlare e relazionarsi, sia perché può essere la spia di altre patologie sistemiche dell’organismo più nascoste.

Come va impostata allora la prevenzione in odontoiatria?  E chi se ne deve occupare e come?

In assenza di qualsiasi problematica si può stabilire che sia buona abitudine, fin da giovane età, eseguire almeno una visita di controllo annuale accompagnata da una seduta di igiene dentale.

A questo punto di solito è proprio il ruolo dell’Igienista stabilire le giuste tempistiche di “richiamo” personalizzate per ogni paziente al fine di mantenere sotto controllo l’infiammazione dei tessuti orali e prevenire le problematiche legate all’accumulo di placca e tartaro.

Infatti insieme all’Odontoiatra (il Dentista) l’altro specialista è l’Igienista, una figura relativamente nuova e fondamentale nell’ambito della prevenzione e mantenimento della salute orale.

La visita dell’odontoiatra in cosa deve consistere?

L’inquadramento anamnestico medico è alla base di qualsiasi visita medica, e permette di inquadrare la situazione di salute generale del paziente.

Successivamente la visita clinica prevede :

    • Una valutazione intraorale in cui lo specialista controlla non solo i denti (eventuali carie e abrasioni), ma anche colore e aspetto di gengive, mucose, guance, labbra, lingua, ghiandole salivari….
    • Una valutazione extraorale che valuta l’articolazione, i movimenti di apertura della bocca, eventuali dolenzie muscolari e funzionali, ipertrofie muscolari, asimmetrie…
    • Una valutazione radiografica di supporto che consente oltre a controllare denti e le loro radici, anche le ossa, i seni mascellari, l’articolazione, eventuali presenze di cisti o lesioni ossee.

Tutte queste osservazioni permettono di intercettare le problematiche e pianificare le eventuali cure.

La salute di denti e di tutto il sistema orale sono fondamentali per una buona masticazione, che a sua volta consente una buona alimentazione, una buona digestione ed assimilazione dei nutrimenti e quindi un corpo in salute.

Inoltre patologie della bocca come la parodontite, la piorrea, possono peggiorare alcune malattie sistemiche come il diabete, malattie reumatiche, patologie cardiache

Viceversa la visita orale può essere la partenza per intercettare malattie del corpo che danno segnali evidenti anche in bocca: erosioni dentali segnalano possibili disturbi gastrici, disturbi alimentari come la bulimia, tendenza al bruxismo.

Mucose sanguinanti, alterazione del colore delle mucose possono essere la spia per problematiche ematiche coagulative, patologie epatiche, diabete…

Alcuni trattamenti farmacologici cronici necessitano inoltre di cure preventive orali e mantenimento di igiene più frequenti per contenerne gli effetti collaterali dei trattamenti.

In ultimo non va dimenticata l’importanza della visita odontoiatrica nella prevenzione del cancro orale che è una patologia molto grave ed invalidante, che se intercettata precocemente può essere invece gestita in modo risolutivo e conservativo.


  Più Vita In Salute ritorna mercoledì 6 luglio


Sostieni le nostre attività, clicca sull’immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.