La Parola

  di Giuseppe Rissone pixabay.com

—-

Si chiude l’appuntamento con le microstorie, con una anticipazione sulla prossima stagione

—-

Si chiude con questo appuntamento la rubrica Le Microstorie, dove – grazie anche all’amichevole insistenza di bradipi amici – ho tirato fuori dal cassetto racconti scritti negli ultimi 40anni, forse porterò alla vostra attenzione altri scritti nella prossima stagione, quello che é certo che mi cimenterò in un nuovo esperimento, quello di giocare con le parole, quello che state per leggere è l’introduzione della nuova rubrica – ancora senza nome – che vedrà la luce a partire da settembre, buona estate. E se volete un consiglio scrivete i vostri pensieri, le vostre storie, le vostre passioni, anche solo per voi stessi e volendo bradipodiario è pronto ad accogliere le vostre parole…

——

Salve sono la parola, si quella che usate tutti i giorni, e non sono da sola/ Ho tante sorelle, impossibili da contare come le stelle./ Alcuni di voi si divertono con me a giocare, scrivendomi su fogli bianchi o addirittura farmi cantare./ Altri preferiscono leggermi su pagine di carta, oppure cucirmi nei modi più strani come una sarta./ Su di me ci sarebbe molto raccontare, perché sono profonda come il mare./Ho voluto qui venirvi a trovare, perché amo chi ci invita a rallentare./Credo che presto tornerò visita a farvi, e le mie infinite sorelle presentarvi./Sperando di non essere di troppo disturbo, ricordandovi che preferisco il passo delle gambe al rumore del turbo./In attesa non mi dimenticate, e l’amore per me coltivate./Ricordatevi sempre di me, sono scritta, parlata, cantata, pensata, e nei vostri cuori e nelle vostre menti spero di essere per sempre amata.


  Qui trovate tutte Le Microstorie pubblicate


Sostieni le nostre attività, clicca sull’immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.