La Busta

di Giuseppe Rissone  Umberto Scopa


La fantasia al potere quando si avvicina un postino con una busta verde

Candido è il protagonista di bizzarre avventure dal lunedì al venerdì, amici nessuno, solo qualche conoscente che approfitta della sua ingenuità e indifferenza per il profitto. Abita in periferia, così periferia da non avere nemmeno un nome, indicata come il posto. Nessuna rabbia o delusione, solo malinconia e ironia. La domenica è solo sua, attesa, sospirata, antidoto a tutti i mali, colma di speranze, foriera di libertà.
—–
Ieri ho ricevuto una raccomandata, sono sceso con il mio pigiama preferito, quello con i bradipi intenti a svolgere la loro attività quotidiana preferita, dormire… Prendo al volo una garza e un cerotto e mi fascio la mano sinistra. Faccio le scale lentamente, con la speranza che il postino si stufi e se ne vada, invece nulla, sento il suo nervoso batter di piedi sul pavimento. Appena appare alla mia vista, vedo il suo braccio destro proteso verso di me con una busta in mano… La busta è di color verde, profuma di richieste in denaro.
Il postino senza alzare lo sguardo dal plico da cui ha estratto la mia busta, esclama:
Firmi qui!
Non ho la penna
Armeggia nelle tasche…  tenga!
Mi fa male la mano sinistra, sono mancino, vede sono anche fasciato…
Cambi mano
Non so scrivere con la destra
Firmi con la bocca
Ho un’infiammazione alle gengive
Con i piedi?
Quali piedi?
Guardi non ho tempo da perdere, firmo io al suo posto, l’importante che lei prenda finalmente questa busta e io possa proseguire con le consegne
Non se ne parla nemmeno, andrei contro a ogni regola, sindacale, contrattuale, umana, costituzionale… lei non può fare quello che devo fare io, però come vede sono temporaneamente impedito, ripassi tra un mesetto…
Basta la smetta con questa sceneggiata, sa cosa le dico faccio finta di non averla mai vista, le lascio un avviso in buca e lei andrà nell’ufficio a ritirarla e ci penseranno loro a farla firmare
Che esagerato, che pignolo, e va bene firmo, però non garantisco di firmare bene
Guardi firmi come vuole, anche con uno scarabocchio, l’importante che si sbrighi
Si sbrighi, si muova, faccia in fretta… possibile mai che non vi venga mai il desiderio di fermarvi, di riposarvi, di rallentare?
Che fa adesso si mette a fare della filosofia da osteria?
Che cos’ha contro le osterie?
Noooo, non ho nulla contro le osterie, era per dire che le sue idee sulla vita non m’interessano, m’interessa che lei metta la sua c…. di firma qui sulla ricevuta…
Anche volgare adesso, un pò di rispetto per noi utenti, per noi che paghiamo le tasse
Questa è bellissima supera le precedenti, “noi che paghiamo le tasse” ma quali tasse, se lei riceve queste buste verdi – almeno una  alla settimana – vuol dire che lei le tasse non solo non le paga ma non sa nemmeno che cosa siano, questa è la prima volta che vedo la sua faccia, vuole che le elenchi le scuse che mi ha trovato per non scendere, aggiungendo sempre “ripassi tra un paio di giorni” vado in ordine… ho una braccio rotto, ho la febbre, la porta non si apre sto aspettando i vigili del fuoco, ho perso gli occhiali senza non posso firmare, ma la più bella è stata quella volta che mi ha detto “scendo subito” poco dopo ho sentito un gran trambusto e lei che grida “maledetta cera per pavimenti” ed io che da sotto le chiedo “cos’è successo?” e lei “credo di essermi rotto una gamba”… e così di busta in busta non consegnata ma con oggi basta, lei adesso firma..
Ma come mi ha detto che metteva l’avviso in buca…
No l’avviso in buca non l’ho metto, non so scrivere, mi fanno male le mani, ho dimenticato gli occhiali a casa, sto per svenire… come vede anch’io sono bravissimo con le scuse, mai bravo quanto lei, lei è insuperabile
E’ adesso cosa faccio? Secondo voi come sono riuscito anche questa volta a non ritirare la busta verde, senza fare del male al postino, perché un pugno dritto al volto sarebbe sta la situazione migliore, però non si può fare per tre motivi:
1) Sono ogni contro ogni forma di violenza sopratutto se perpetrata nei miei confronti
2) Non ho abbastanza forza per sferrare un cazzotto sufficiente a mandare ko un mio simile
3) Il postino in questione tutto sommato è un brav’uomo, mi è simpatico… 
Quindi che cosa avrò mai escogitato?
È va bene firmo, basta con queste scuse, devo firmare, firmo… E poi venne domenica… (1. Continua…)
—-
 E Poi Venne Domenica ritorna sabato 5 febbraio
—–
Sostieni le nostre attività, clicca sull’immagine

One Ping

  1. Pingback: La Firma - Bradipodiario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.