Il Calcio
A Casa Di Higuita

di Joshua Evangelista storiedicalcio.altervista.org


Riflessioni pallonare dopo due settimane in Colombia

—–

Nella prima metà di aprile ho avuto l’incredibile opportunità di girare per la Colombia, un paese incredibile. È come vivere dieci paesi in uno. Ci sono i paesaggi più belli, c’è la terza più grande biodiversità al mondo e il maggior numero di specie di uccelli. Ci sono 350 frutti diversi: si potrebbe quasi scegliere di mangiare un frutto diverso ogni giorno dell’anno. Ci sono le storie di Gabriel Garcia Marquez, la musica, gli attivisti che fanno i conti con il conflitto armato, comunità indigene di “incontattati”. come si chiamano quei gruppi che non sono ancora entrati in contatto con le altre culture e soprattutto con i conquistadores. E, per rimanere in tema con i nostri argomenti, c’è tanto tanto calcio di strada. 

Se pensiamo al binomio calcio e Colombia ci vengono in mente la chioma di Valderrama, le parate da re scorpione di Higuita (guardate la foto) e il mistero di Maradona “invitato” nel 1991 a giocare un torneo di calcio nel bunker-prigione di Escobar, davanti agli occhi ammaliati del più grande narcotrafficante di tutti i tempi. Ma c’è molto di più. Per i bambini colombiani il calcio è tutto.

In un isolotto delle Islas del Rosario, in mezzo ai Caraibi, ho visto i bambini giocare a pallone scalzi, in mezzo alla strada principale, un sentiero in terra battuta che condividevano con galline, iguane ma non con le auto, totalmente assenti nell’isola. A Cartagena (dove le auto invece erano tante) i bambini lanciavano la palla ai “malcapitati” passanti (tra cui il sottoscritto) e ne valutavano la reattività e la proprietà di palleggio. Ma la febbre da calcio non riguarda solo i bambini: tutti sono ossessionati dalle partite e tutti tifano le squadre europee dove giocano i calciatori colombiani. Provate a immaginarvi lo stupore di un tassista di Medellìn quando ho gli ho detto che ho conosciuto Juan Cuadrado a Torino. Superato lo choc, ha subito rilanciato: “E invece Ospina lo conosci? E che tipo è Muriel?”

E ora provate a immaginare che dramma nazionale è la non qualificazione della Colombia ai prossimi mondiali. Beh, su questo punto non dobbiamo sforzarci più di tanto in sforzi empatici, capiamo benissimo.


  Marcatura A Uomo ritorna martedì 14 giugno


Sostieni le nostre attività, clicca sull’immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.