Fra I Ghiacci

di Umberto Scopa Umberto Scopa

I ghiacciai alpini all’inizio del ‘900, descritti da Giulio Brocherel

Propongo all’ascolto dei rari interessati la lettura di questo raro documento d’archivio. Si tratta di un articolo pubblicato dall’alpinista scrittore Giulio Brocherel all’inizio del novecento per i lettori della rivista Emporium. Quello che ci offre è una panoramica descrittiva dei ghiacciai alpini nel suo tempo. Coglierete l’immagine dei nostri ghiacciai resa come se fossero, come in effetti credo siano, un immensa creatura vivente. I ghiacciai respirano, si trasformano, si rigenerano continuamente in forma nuova, si agitano nei giganti letti di roccia sottostanti in modo impercettibile per l’occhio umano. Nell’arco dei millenni perpetuano la loro esistenza così legata alla nostra, o almeno così faranno fino a che la nostra esistenza saprà rispettarne gli equilibri delicati. La disamina così analitica di Brocherel è resa con occhio scientifico, passione di alpinista, eloquio di scrittore. L’articolo è molto lungo, lo preciso per chi ritenesse già troppo lunga la mia lettura che è solo un estratto. Ovviamente un tempo il cervello umano, non ancora smartphonizzato a dovere, aveva una soglia di attenzione che valicava ampiamente gli odierni venti secondi, e i lettori di Emporium, e i lettori in genere, ben volentieri si concedevano il tempo che l’apprendimento, o anche solo la degustazione di una lingua eccellente, richiedeva. Per chi vuole, insomma, questo è.


Per ascoltare il racconto cliccate qui

Il Contastorie ritorna giovedì 4 novembre

Sostieni le nostre attività, clicca sull’immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.